SBIANCAMENTO_Il trattamento sbiancante è un trattamento cosmetico professionale e proprio per questo deve essere realizzato sotto la supervisione di un Odontoiatra o igienista qualificato. Si tratta di una procedura specifica per chi desidera avere un sorriso più bianco mantenendo i propri denti senza ricostruzioni. Sbiancamento chimico: materiale esterno che ossida il pigmento dentale (è il più utilizzato). Sbiancamento interno: quando un dente a causa di devitalizzazione cambia colore si usa uno sbiancamento chimico interno al dente per riportarlo al colore originale. Microabrasione: quando si rimuovono macchie nello spessore superficiale dello smalto con una abrasione meccanica. Infiltrazione con resina: quando si infiltrano macchie nello smalto sueprificiale per farle variare di colore.

FACCETTE IN CERAMICA_Le faccette sono sottili gusci di ceramica (fino a pochissimi decimi di millimetro), o altro materiale traslucente, che vengono applicati e cementati adesivamente sulla superficie esterna del dente naturale. Questo tipo di restauro viene realizzato in modo indiretto, cioè non direttamente all’interno della bocca, e prevede comunque una limatura minimale del dente. E’ un trattamento molto diffuso per chi vuole migliorare l’estetica del proprio sorriso a causa di:

  • denti con una forma poco piacevole;
  • denti non allineati che non si vogliono correggere (o nei casi in cui non è possibile) attraverso l’utilizzo di un apparecchio ortodontico.
  • spazio tra i denti (diastemi);
  • denti molto abrasi, rotti o scheggiati;
  • denti con discolorazioni accentuate che non possono essere eliminate con il trattamento sbiancante.
  • anomalie dello smalto.

Le faccette in ceramica sono molto utilizzate nel mondo del cinema, dello spettacolo e della moda. Sono classicamente realizzate in ceramica vetrosa, ma possono essere fatte anche con altri materiali, sempre traslucenti (e privi di metallo o substrati opachi), analogamente alla struttura del dente.

Si esegue uno studio estetico con una previsualizzazione per valutare l’estetica migliore nel caso specifico e prevedere la concreta fattibilità. Una volta concordato con il paziente il risultato che si vuole ottenere, vengono preparati minimamente i denti (limati per pochissimi decimi di millimetro e in alcuni casi non occorre nemmeno prepararli, approccio No Prep), dopo di che vengono prese le impronte di precisione per costruire le faccette di ceramica traslucenti del colore e della forma desiderati.